Corsi

Le Jeu Masqué: ricerca dello sviluppo dell’immaginario dell’attore attraverso l’uso delle maschere, basata sul metodo di lavoro del Théâtre du Soleil

17-bellugi-bernardo  12 – 28 luglio 2017 ex Frantoio San Francesco

Docenti: Duccio Bellugi Vannuccini, Carlos Bernardo

Interprete: Elisa Lombardi (ITA ENG)

Contenuti:  Il seminario presenta le basi del lavoro attorale del Théâtre du Soleil. Il fine è lo sviluppo dell’immaginario dell’attore attraverso l’uso delle maschere, principalmente balinesi e della Commedia dell’arte. La Maschera una volta libera di tutti i cliché che spesso l'accompagna, è il veicolo pedagogico per eccellenza per arrivare all'incarnazione del personaggio. Da questi strumenti si partirà per affrontare il lavoro dell’attore sotto diversi aspetti a partire dall'improvvisazione: l’ascoltare, l’essere nel presente, la coscienza del corpo. I corsi si dividono essenzialmente in due fasi: un lavoro fisico con presa di coscienza ritmica e musicale e un lavoro d'improvvisazione con una ricerca della trasformazione fisica. Per la prima fase è richiesto ai partecipanti di portare oltre ad una tenuta di lavoro comoda degli strumenti musicali (che li sappiano suonare oppure no) Per la seconda fase (se lo spazio non ne ha a disposizione) è richiesto di portare di che travestirsi (vestiti, tessuti, foulards e cuscini per creare dei volumi)


Quota di iscrizione: € 500,00 oltre alle spese di viaggio e alle spese di soggiorno (prezzi convenzionati)

Site specific: lo spazio, il corpo e le storie da raccontare

17-munsko-shrimpton  12 – 28 luglio 2017  Conservatorio di Santa Chiara

Docenti: Charlotte Munksø, Eliot Shrimpton

Interprete: Florence Mato (FR - ENG)

Contenuti:  Site specific indica un fare teatro creato per un posto specifico. San Miniato è un paese che ha posti unici, di bellezza architettonica e offre spazi formidabili, tutti da scoprire. Il laboratorio esplorerà diverse dimensioni del lavoro dell’attore in relazione al testo e allo spazio: consapevolezza spaziale, corpo vs spazio, movimento. Lavoreremo sia al chiuso che all’aperto per investigare tutta una varietà di spazi e capire, così, come il contesto fisico-ambientale influenzi e determini la nostra creatività. Verrà esplorato il rapporto tra spazio fisico e testo e come un testo possa funzionare in modo efficace in un teatro site-specific. Lavorando in questo modo, vale a dire con il contesto fisico concreto che influenza e genera creatività, verranno scoperte modalità del tutto inaspettate che modificheranno i testi scelti e, allo stesso tempo, nuove dimensioni degli spazi stessi. Al centro del nostro percorso laboratoriale, alcune domande: come può il corpo dell’attore trasformare lo spazio? Come può, a sua volta, lo spazio trasformare il corpo dell’attore? Come trampolino per tuffarci in altri testi e altre voci presenti nel laboratorio, ad ogni partecipante verrà chiesto di portare 10 righe di un testo che:
- sia nella propria lingua
- sia mandato a memoria
- contenga un conflitto diretto, semplice, ad alta temperatura energetica, che abbia a che fare con aspetti umani (per esempio, voler dormire, battersi, sedurre, nascondersi, mangiare)
- ogni partecipante trovi interessante, di ispirazione e che abbia voglia e desiderio di lavorarci.


Quota di iscrizione: € 500,00 oltre alle spese di viaggio e alle spese di soggiorno (prezzi convenzionati)